Pubblicato da: Massimiliano Neri | 5 febbraio 2008

Teoria austriaca del ciclo economico

Il ciclo austriaco identifica nell’espansione artificiale del credito bancario e nella manipolazione arbitraria del tasso d’interesse le cause delle crisi economiche e propone la ricetta per favorire una crescita economica sostenibile.

La teoria del ciclo economico è uno dei contributi più importanti della Scuola Austriaca d’Economia. Di fatto, fino all’arrivo di Lord Keynes, essa rappresentava lo status quo della teoria macroeconomia tradizionale. Venne accantonata a causa dell’infausta influenza del keynesianismo e delle vicende personali degli austriaci che, a causa dell’avvento del nazismo, furono costretti ad emigrare nelle migliori università americane e inglesi, procurando la smobilitazione e il declino della scuola viennese. A partire dal premio Nobel a Hayek nel 1974 e grazie ai nuovi contributi dei discepoli americani di Mises, la Scuola è stata protagonista di una vera e propria rinascita e nel mondo accademico odierno ha ricominciato a farsi strada il suo paradigma come spiegazione reale e plausibile delle crisi economiche.

Questo corso di Introduzione alla Teoria Austriaca del ciclo economico propone un riassunto dei miei appunti delle lezioni tenute nel 2004 all’università Rey Juan Carlos di Madrid dal Professor Jesus Huerta de Soto.

1. Principi essenziali di teoria del capitale

2. Effetti di un’espansione del credito finanziata con risparmio volontario

IV. Effetti di un’espansione del credito finanziata con risparmio volontario

3. Effetti dell’espansione creditizia non sostenuta dal risparmio volontario:
Teoria Austriaca del ciclo economico

V. Teoria Austriaca del ciclo economico


Responses

  1. Vi suggerisco questo link dove c´e´una straordinaria presentazione del libro di De Soto in Slovacchia

    Massimiliano sara´possibile tradurre il libro in italiano e magari avere la presenza del prof per la presentazione ?

    http://blog.mises.org/archives/010800.asp

    • Ciao, il libro e’ gia stato tradotto ed e’ in via di revisione. suggerisco a tal fine di contattare carlo zucchi: http://carlozucchi.wordpress.com/


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: