Pubblicato da: Massimiliano Neri | 7 luglio 2008

La paura e la speranza in una notte di mezza estate

Sarà il caldo romano, ma oggi abbiamo deciso di scrivere un post a quattro mani. L’atmosfera ludica di questi giorni potrebbe indurci al più totale disimpegno, e invece no, abbiamo deciso di proporre qualcosa di estremamente serio.

Lo spunto e’ una citazione da La Paura e la Speranza di Giulio Tremonti, che oltre a essere l’attuale Ministro dell’economia é ordinario di Diritto tributario a Pavia ed é stato Visiting Professor a Oxford.

Tremonti si é immolato per noi italiani contro le forze del male che vengono dal levante, per raccontarci con parole semplici le conseguenze nefaste del mercato globale. Ci vuole molto tempo e impegno per scrivere un libro come questo e Tremonti l’ha fatto, sacrificando grandi energie proprio nel periodo precedente al suo ritorno al Ministero dell’economia; energie evidentemente inesauribili, dato che il suo attivismo non sembra conoscere pausa. In ogni modo, con grande senso di responsabilità intellettuale ha pubblicato questo libro per spiegarci che non abbiamo compreso le conseguenze reali della globalizzazione. Ascoltiamolo:

“Quando la storia compie una delle sua grandi svolte, quasi sempre ci troviamo davanti l’imprevedibile, l’irrazionale, l’oscuro, il violento e non sempre il bene. Già altre volte il mondo è stato governato anche dai demoni.” (p.7)

Se il mondo comprende anche il Ministero dell`Economia italiana del quinquennio 2001-2006, sul pensiero di Tremonti pesa la scure della verita’.

Ció detto, da queste poche righe si evince la profonda carica scientifica che grava sull’opera. Tremonti si é caricato sulle spalle questo peso. Reggendosi solidamente sulle conclusioni dei più grandi economisti della storia, ha scalato le montagne dell’incerto per arrivare a intravedere, lontani, i pericoli della globalizzazione. Già questo, nell’anno di grazia 2008, è un grande contributo.

Purtroppo, però, il destino è beffardo e le leggi dell’economia pure, anche con chi è animato dalle migliori intenzioni. L’ “imprevedibile”, l’ “oscuro” e il “violento” hanno sempre contrassegnato i periodi di forte e rapido cambiamento, il che ha dato spesso luogo all’”irrazionale”, manifestatosi sotto forma di governanti che in nome del nostro bene hanno sistematicamente causato disastri, cercando volutamente di ostacolare il cambiamento.

La storia ha compiuto una grande svolta, e dopo questa “paura” noi nutriamo la “speranza” che non abbia imboccato la strada in contromano.

Carlo Zucchi & Massimiliano Neri


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: