Pubblicato da: Massimiliano Neri | 18 luglio 2008

Crisi dei mutui: la colpa è dello Stato, non del mercato

Un articolo davvero magistrale di Carlo Zucchi.

Inizia cosi’:

Alla notizia che il Tesoro americano stava approntando un piano per salvare dal dissesto i giganti dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac, il nostro ineffabile Ministro dell’Economia se ne è uscito con la perla seguente: “Quello che è successo oggi in America, il fallimento e il salvataggio di un pezzo enorme del sistema finanziario e quindi economico degli Stati Uniti, è la prova che il mercato da solo tante volte non sa badare a se stesso. Il salvataggio fatto dal governo, la nazionalizzazione, è stata la cosa giusta”.

e finisce cosi’:

Questo è una dei tanti casi che dimostra come occorra diffidare sempre di chi ci racconta la solita favola (almeno qua in Italia) dello Stato buono e saggio che interviene a difesa del cittadino costantemente minacciato dal mercato brutto e cattivo che non sa badare a sé stesso. Chi predica questo o è uno sprovveduto o è un disonesto, soprattutto in un paese chiuso e corporativo come l’Italia, che di mercato e concorrenza ha bisogno come il pane.


Responses

  1. L’economist scrive che F&F possono aver causato crowding out del prime market dei mutui, spingendo i concorrenti non privilegiati legalmente verso i subprime. Informazione interessante, che avevo adombrato con poca convinzione in un post per GIornalettismo che sta per essere pubblicato. Questo pomeriggio darò una letta approfondita a quanto scrive l’Economist, ma parrebbe cosa ovvia a tutti tranne che a Tremonti.🙂

  2. […]A patto però, che il mercato non sia drogato da attori quali la Fed e la GSE[…]

    Peccato che ci sia sempre “qualche piccolo agente” che inficia l’efficacia del libero mercato…

    Non sarà invece che il libero mercato non esiste?

  3. …intendo dire che se gli agenti distorsori sono soggetti come le FEDR che è il demiurgo della valuta mondiale e delle GSE della misura di Fanny e Freddy che “comprano” casa alla metà dei cittadini americani…

    Mi viene da dire che più che di distorsione si tratta di “definizione” e che il “distorsore” sono le azione private.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: